Chi sono

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Sassarese, nato in casa il 16 settembre 1957.

Michele è mio figlio.

Il 1 dicembre 1971 mi sono iscritto alla Federazione giovanile comunista di Sassari. Ne sono stato anche segretario provinciale nei difficili ma entusiasmanti Anni Settanta.  La mia formazione è quella.

Nel 1977 sono il corrispondente locale de L’Unità, nel 1980 collaboro con Radio Città, emittente sassarese. Nel maggio 1981 comincio a scrivere per La Nuova Sardegna, settore sport e cronaca. Sono “abusivo” in redazione per un anno. Nel luglio 1982 vengo assunto come praticante e divento invece professionista nel luglio 1984. I successivi passaggi sono la nomina a capo cronista a Oristano (1985) e poi a Sassari (1989). Quindi nel 1993 divento redattore capo del Centro di Pescara e, in successione, della Provincia Pavese, della Nuova Ferrara, della Gazzetta di Reggio, inviato regionale per l’Emilia-Romagna e nazionale dell’Agenzia giornali locali del Gruppo Espresso, quindi componente dell’ufficio centrale della stessa agenzia. Sino al 31 ottobre 2016.

Sono laureato in Scienze dei Beni culturali.

Il 24 novembre 2017 il consiglio comunale di Ollolai mi ha conferito la cittadinanza onoraria, a proposito di Ospitone – sul quale ho scritto un romanzo –  e per la diffusione della storia sarda. Una cittadinanza che mi ha davvero onorato.

Ho pubblicato questi romanzi: La resa dei conti. Per fortuna che c’era Togliatti (Ariostea, 2003), Togliatti deve morire. Il luglio rosso della democrazia (Robin, 2005), Da una parte della barricata (Robin (2007), Le pietre di Nur (Robin, 2011 e riedizione con Condaghes, 2016), Golpe (Corbo, 2011), Buiakesos. Le guardie del giudice (Condaghes, 2012), Il condaghe segreto (Condaghes, 2013), La voce della verità. Storia di Luigi Polano il comunista che beffò Mussolini (Nutrimenti, 2014), Judikes (Condaghes, 2014), Rapidum (Condaghes, 2015), L’infiltrato (Nutrimenti, 2016), Hospiton (Condaghes, 2017), Il nemico (Nutrimenti, 2018)

Tra i miei lavori figura il racconto L’attentato che non ci fu nell’antologia Neronovecento (2013, Cordero) e la ricostruzione storica intitolata 1948, la rivoluzione impossibile. Ferrara e l’attentato a Togliatti (2G, 2007)

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail